A- A A+

L'osservanza dell'orario di lavoro promuove e migliora la sicurezza, l'igiene e la salute dei lavoratori

tag  News  giada  orario  lavoro  rilevazione  Corte  Giustizia  europa  Zhao Zhao 

03/06/2019

L'impresa deve avere un sistema di registrazione dell'orario di lavoro giornaliero che garantisca il lavoratore

Un sindacato dei lavoratori spagnoli ha presentato avanti all'autorità giudiziaria spagnola un ricorso collettivo contro la Deutsche Bank lamentando la mancata istituzione di un sistema aziendale di registrazione dell'orario di lavoro giornaliero svolto dal personale dipendente che consentisse di verificare il rispetto degli orari di lavoro e l'esatto adempimento dell'obbligo aziendale di trasmettere ai rappresentanti sindacali le informazioni relative al lavoro straordinario effettuato mensilmente. La banca spagnola non aveva al suo interno alcun sistema di registrazione dell'orario di lavoro svolto dal suo personale che consentisse di controllare il rispetto dell'orario di lavoro e di calcolare le ore di lavoro straordinario eseguite. In particolare la Deutsche Bank utilizzava un'applicazione informatica che consentiva di registrare esclusivamente le assenze per un'intera giornata, le ferie e altri tipi di permessi, senza tuttavia misurare la durata dell'orario di lavoro svolto da ciascun lavoratore e il numero di ore di lavoro straordinario effettuate.

La Corte Di Giustizia, Grande Sezione, richiamando le direttive europee in materia di diritto del lavoro, ha sottolineato l'importanza del diritto fondamentale di ciascun lavoratore alla "limitazione della durata massima di lavoro e a periodi di riposo giornaliero e settimanale". La corte di giustizia ha richiamato la necessità "che il datore di lavoro tenga registri aggiornati di tutti i lavoratori interessati e che tale registri siano messi a disposizione delle autorità competenti. Il lavoratore deve essere considerato come parte debole del rapporto di lavoro, così che è necessario impedire al datore di lavoro di disporre della facoltà di porgli una restrizione dei suoi diritti. Per la Corte europea non occorre mai dimenticare che questa situazione di debolezza può indurre un lavoratore ad omettere di rivendicare i suoi diritti che potrebbe esporlo a misure adottate dal datore di lavoro in grado di incidere sul rapporto di lavoro in danno del lavoratore stesso. Per la corte di giustizia "una normativa nazionale che non preveda l'obbligo di ricorrere a uno strumento che consente di stabilire con oggettività e affidabilità il numero di ore di lavoro giornaliero e settimanale non è idonea a garantire, conformemente alla giurisprudenza comunitaria, l'effetto utile dei diritti conferiti dall'articolo 31, paragrafo 2, della carta e da tale direttiva, poiché essa priva sia il datore di lavoro sia i lavoratori della possibilità di verificare se tali diritti sono rispettati e può quindi compromettere l'obiettivo di detta direttiva consistente nel garantire una migliore protezione della sicurezza e della salute dei lavoratori". Per la Corte è vero che il lavoratore può fornire al giudice la prova dell'esecuzione del lavoro straordinario anche con altri mezzi di prova quali le testimonianze, la produzione di messaggi di posta elettronica, la consultazione dei telefoni cellulari o di computer. Ma tenuto conto della situazione di debolezza del lavoratore nel rapporto di lavoro, questa possibilità non può essere considerata come un mezzo di prova efficace idonea a garantire un rispetto effettivo dei diritti di cui trattasi dal momento che i lavoratori possono mostrarsi restii a testimoniare contro il loro datore di lavoro a causa del timore di misure adottate da quest'ultimo in grado di incidere sul rapporto di lavoro a loro svantaggio.

La Corte di Giustizia, Grande Sezione, con sentenza del 14 maggio 2019, ha concluso affermando che una legislazione nazionale che non impone ai datori di lavoro l'obbligo di istituire un sistema interno che consente la misurazione della durata dell'orario di lavoro giornaliero svolto da ciascun lavoratore non è conforme alle direttive del Parlamento europeo e alla carta dei diritti fondamentali dell'unione europea.

Questa sentenza della Corte di Giustizia è di estrema rilevanza perché non può non avere delle ripercussioni nel nostro ordinamento nazionale non esistendo una norma di legge che imponga imperativamente l'utilizzo di strumenti aziendali che rilevino con esattezza l'orario di lavoro osservato nella giornata, nelle settimana e nel mese. Questo buco della legislazione italiana può essere utilmente invocato nelle controversie giudiziarie facendo discendere l'obbligo datoriale di misurare l'orario di lavoro giornaliero dai principi di buona fede nell'esecuzione del contratto e dalla direttiva comunitaria. Ovviamente, l'assenza di un sistema aziendale di rilevazione dell'orario di lavoro, in questa prospettiva, costituisce già un elemento negativo a sfavore dell'azienda. La sentenza impone delle riflessioni serie.

Pewr chi volesse approfondire l'argomento offriamo la lettura della sentenza in forma integrale: Corte di Giustizia.

 

Nella foto: una installazione dell'artista cinese Zhao Zhao "Giada-costellazioni". Fondazione Cini, Isola di San Giorgio Maggiore, Venezia, 2019. L'artista, 1982, vive a Los Angeles. Il disco di Giada era un oggetto rituale usato nell'antica Cina per i riti sacrificali agli dei, alle montagne, ai fiumi. Si riteneva che mettesse in comunicazione il paradiso con gli spiriti della terra.

 

 

 

 

 

 

Codice avvocati, dovere di segretezza e riservatezza.

17/11/2015 DAL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE L’avvocato esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi della persona, assicurando la conoscenza delle leggi e contribuendo in tal modo all’attuazione dell’ordinamento per i fini della giustizia.  Art. 7 – Dovere di fedeltà.... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

16/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficiente i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Video conferenza, strumento di grande utilità per l'attività professionale

16/11/2015 Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la video conferenza. Realizzare un sistema di video conferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Occorre semplicemente un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il... [Leggi tutto]

La retribuzione a certe condizioni si può anche diminuire

16/11/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l'art. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa nuova... [Leggi tutto]

La lettera di assunzione, il documento più importante del rapporto di lavoro

16/11/2015 La lettera di assunzione rappresenta il contratto di lavoro. Nella lettera di assunzione devono essere riportate tutte le condizioni di lavoro: retribuzione, mansioni, patto di prova, applicazione del contratto collettivo, inquadramento, compenso, numero delle mensilità e ogni altro elemento utile ad identificare il trattamento economico e normativo pattuito.Nella lettera di assunzione... [Leggi tutto]