La mancata concessione del datore di lavoro deve essere fondata su seri motivi

Per evitare il superamento del periodo di comporto il lavoratore può chiedere le ferie

La mancata concessione del datore di lavoro deve essere fondata su seri motivi

17/09/2020 Una lavoratrice, già reintegrata nel suo posto di lavoro dal Tribunale presso la s.r.l. Yazaki Europe Limited Italia, ha lamento di essere stata collocata non più presso la sede di ( omissis ) ma presso la lontana sede di ( omissis ), con mansioni deteriori, ciò che ha peggiorato le sue condizioni di salute costringendola ad una lunga assenza per malattia quasi sino... [Leggi tutto]
Nel lavoro agile non vi è l’obbligo di dover osservare un orario di lavoro e di essere presenti in ufficio

Il buono pasto è incompatibile con il lavoro agile del covid-19

Nel lavoro agile non vi è l’obbligo di dover osservare un orario di lavoro e di essere presenti in ufficio

25/08/2020 Un’organizzazione sindacale ( la F.M.F.P. CGIL ) ricorre al tribunale di Venezia lamentando l'esclusione dal godimento dei buoni pasto dei lavoratori che prestano la loro attività in lavoro agile senza previa contrattazione con le OO.SS., e ritenendo lese le prerogative sindacali, propone ricorso per comportamento antisindacale, chiedendo la condanna del Comune a porre fine al... [Leggi tutto]
La Cassazione considera il termine triennale come prescrizione e non come decadenza

Azione di rivalsa dell’Inail a seguito di patteggiamento: prescrizione o decadenza triennale?

La Cassazione considera il termine triennale come prescrizione e non come decadenza

13/08/2020 Un operaio addetto allo stampo di lamiere alle dipendenze della Società Industrie di Atessa srl subisce un infortunio sul lavoro. Si apre il procedimento penale per lesioni colpose nei confronti delle persone ritenute responsabile del fatto. Il procedimento penale si definisce con il patteggiamento della pena. L’Inail agisce in regresso contro i responsabili e contro la... [Leggi tutto]
 A nulla vale che il lavoratore abbia eseguito in realtà delle ore di lavoro inferiori

Orario di lavoro a tempo parziale: i contributi sono dovuti come da contratto sottoscritto dalle parti

A nulla vale che il lavoratore abbia eseguito in realtà delle ore di lavoro inferiori

13/08/2020   L’azienda assume un lavoratore con un contrasto a tempo parziale di dieci ore settimanali. Nella realtà effettiva il lavoratore di fatto ha prestato un’attività lavorativa inferiore alle ore indicate nel contratto scritto. Conseguentemente l’azienda ha eseguito il versamento dei contributi previdenziali sulle ore di lavoro effettivamente osservato e non... [Leggi tutto]
Il risarcimento dei danni del licenziamento illegittimo per vizi di forma da 2 a 12 mensilità ma svincolato dall'anzianità di servizio

La Corte Costituzionale colpisce ancora il jobs act del 2015

Il risarcimento dei danni del licenziamento illegittimo per vizi di forma da 2 a 12 mensilità ma svincolato dall'anzianità di servizio

26/07/2020 Il Jobs act (decreto legislativo 4 marzo 2015 n.23) ha introdotto, per i licenziamenti dei contratti di lavoro a tempo indeterminato alle dipendenze di aziende con più di 15 addetti, le tutele crescenti. Le tutele crescenti prevedevano un risarcimento del danno a favore del lavoratore illegittimamente licenziato che il giudice doveva quantificare, in modo certo e matematico, in base... [Leggi tutto]
l’impossibilità sopravvenuta non deve essere addebitabile al datore di lavoro

Se l’impossibilità sopravvenuta della prestazione lavorativa è oggettiva, è possibile la sospensione dal lavoro senza obbligo di retribuzione

l’impossibilità sopravvenuta non deve essere addebitabile al datore di lavoro

17/07/2020 Un lavoratore chiede con decreto ingiuntivo il pagamento della retribuzione anche per le giornate di lavoro in cui non ha eseguito la sua prestazione lavorativa. Il datore di lavoro si oppone a questa domanda assumendo di essere stato nell'impossibilità di ricevere la prestazione lavorativa a pieno regime a causa della perdita di alcune commesse con relativo calo del fatturato. Il... [Leggi tutto]
In caso contrario su quelle somme devono essere versati i contributi previdenziali

L’erogazione dell’indennità di trasferta si giustifica se lo spostamento del lavoratore in quel luogo è temporaneo

In caso contrario su quelle somme devono essere versati i contributi previdenziali

15/07/2020 La IRNERIO scarl propone opposizione alla cartella esattoriale con la quale l’INPS gli aveva intimato il pagamento di oltre 90.898 Euro a titolo di contributi previdenziali dovuti per le somme corrisposte (formalmente a titolo di indennità di trasferta) a lavoratori assunti per l’esecuzione di un appalto in sede diversa da quella aziendale. Il Tribunale rigetta... [Leggi tutto]
L’indennità di trasferta non copre le ore di lavoro straordinario

La trasferta nel contratto collettivo del trasporto merci cooperative

L’indennità di trasferta non copre le ore di lavoro straordinario

13/07/2020 ll contratto collettivo del settore trasporto merci delle cooperative sottoscritto da Cgil-Cisl-Uil all’art. 11 esclude dal computo dell'orario di lavoro: i periodi di interruzione dalla guida dopo il limite previsto dal regolamento CEE e dal decreto legislativo n. 234 del 2007; i periodi di riposo; i periodi di attesa per i divieti di circolazione; i tempi per la... [Leggi tutto]
La Cassazione dichiara legittimo il recesso per giusta causa

Una guardia giurata unilateralmente si allontana dal posto di lavoro: licenziamento

La Cassazione dichiara legittimo il recesso per giusta causa

08/07/2020 Un dipendente, guardia giurata in servizio presso la società Il Notturno s.a.s. di M.T., assegnato ad un turno di lavoro notturno con luogo di piantonamento itinerante su cantiere con l'utilizzo di un'auto di servizio collegata al centro operativo anche mediante sistema satellitare, si era allontanato senza autorizzazione dall'area a lui assegnata per la vigilanza. Il tribunale, pur... [Leggi tutto]
Licenziato è stato reintegrato dal giudice nel posto di lavoro

Addetto alle pulizie, fuma durante l’orario di lavoro in una intercapedine dei locali

Licenziato è stato reintegrato dal giudice nel posto di lavoro

01/07/2020 La Corte di appello di Genova, in riforma della sentenza del Tribunale, ha -accolto la domanda di annullamento del licenziamento per giusta causa intimato da PH Facility s.r.l., in data 11.8.2016, a C.G. , per aver contravvenuto al divieto di fumo durante l’orario di lavoro e presso un recondito ambito (intercapedine) dei locali della ditta committente Ansaldo Energia. La Corte,... [Leggi tutto]

Codice avvocati, dovere di segretezza e riservatezza.

17/11/2015   DAL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE L’avvocato esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi della persona, assicurando la conoscenza delle leggi e contribuendo in tal modo all’attuazione dell’ordinamento per i fini della giustizia.  Art. 7 – Dovere di... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

16/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficiente i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Video conferenza, strumento di grande utilità per l'attività professionale

16/11/2015 Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la video conferenza. Realizzare un sistema di video conferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Occorre semplicemente un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il... [Leggi tutto]

La retribuzione a certe condizioni si può anche diminuire

16/11/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l'art. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa nuova... [Leggi tutto]

La lettera di assunzione, il documento più importante del rapporto di lavoro

16/11/2015 La lettera di assunzione rappresenta il contratto di lavoro. Nella lettera di assunzione devono essere riportate tutte le condizioni di lavoro: retribuzione, mansioni, patto di prova, applicazione del contratto collettivo, inquadramento, compenso, numero delle mensilità e ogni altro elemento utile ad identificare il trattamento economico e normativo pattuito.Nella lettera di assunzione... [Leggi tutto]