La norma mira a scongiurare i distacchi “opportunistici”

Per il distacco sindacale con la contribuzione figurativa a carico dell’Inps occorre aver lavorato presso l’azienda almeno 6 mesi

La norma mira a scongiurare i distacchi “opportunistici”

14/06/2022 Un’organizzazione sindacale, per una lavoratrice stagionale, che ha lavorato per la medesima azienda per più di 20 anni, con contratti di durata variabile nel tempo, da 9 a 11 mesi all'anno, ha chiesto l’aspettativa sindacale con la contribuzione previdenziale figurativa a carico dell’Inps. L'istituto previdenziale, dal 2004 al 2012, ha riconosciuto questa... [Leggi tutto]
È nulla ogni contraria previsione del regolamento interno della cooperativa

Il socio lavoratore di cooperativa ha diritto alla integrazione del trattamento previdenziale per malattia, infortunio e maternità, a carico dell'azienda

È nulla ogni contraria previsione del regolamento interno della cooperativa

06/06/2022   Un  socio lavoratore di cooperativa, con rapporto di lavoro subordinato, è stato assente dal lavoro per infortunio sul lavoro, malattia e maternità. Egli si è rivolto al Tribunale di Piacenza lamentando di aver percepito, in queste occasioni, l'indennità economica a carico dell'Inps ma di non aver percepito la retribuzione integrativa a carico del datore... [Leggi tutto]
Il superamento del periodo di comporto è irrilevante

Il disabile non è licenziabile

Il superamento del periodo di comporto è irrilevante

13/05/2022 La lavoratrice ha prestato la sua attività lavorativa dal 1.6.2014 e sino al licenziamento del 15.7.2021 quando, in conseguenza di una prima assenza per malattia del settembre 2020, e della successiva del dicembre 2020, pacificamente aveva superato il periodo di comporto. La lavoratrice ha adito il Tribunale deducendo che la patologia che avrebbe dato luogo alle sue assenze sarebbe... [Leggi tutto]
 I giudici la reintegrano perché il contratto collettivo per quella violazione non grave prevede solo la sanzione conservativa

Manda a quel paese il cliente, licenziata!

I giudici la reintegrano perché il contratto collettivo per quella violazione non grave prevede solo la sanzione conservativa

05/05/2022 Il fatto. La lavoratrice si è rivolta in modo scortese, con espressione volgare, a un cliente che la richiedeva di un adempimento proprio del centro servizi cui ella era addetta e che, irritato dall'insolenza, non aveva completato un acquisto di modesto valore economico. Il datore di lavoro le ha contestato il fatto; all'esito della procedura di contestazione di addebito, le ha... [Leggi tutto]
licenziamento illegittimo con diritto alla reintegrazione nel posto di lavoro

Chiede di assentarsi dal lavoro per assistere la madre disabile ma per un disguido non vi riesce

licenziamento illegittimo con diritto alla reintegrazione nel posto di lavoro

29/04/2022 Il datore di lavoro ha contestato ad una lavoratrice di essere andata in villeggiatura in un giorno di permesso ex lege n. 104 del 1992, concesso per assistere la madre disabile, che invece si trovava in altro luogo, violando "i principi di correttezza e buona fede nonché gli specifici obblighi contrattuali di diligenza e fedeltà" e cagionando altresì con l'"assenza dal... [Leggi tutto]
Presidente della società condannato per mobbing

Lavoratori minacciati di essere “cementati” in un pilastro

Presidente della società condannato per mobbing

29/04/2022 Il presidente di una società datrice di lavoro ha reiteratamente minacciato i dipendenti di “cementarli” in un pilastro, li ha invitati a confrontarsi fisicamente con lui, li ha sottoposti a pubblici rimproveri inutilmente mortificanti e li ha sanzionati con una serie di provvedimenti disciplinari culminati anche in un licenziamento, il tutto al fine di creare terrore tra i... [Leggi tutto]
la Commissione di garanza per i servizi pubblici essenziali non si è mai espressa sulla proclamazione dello sciopero

Al capostazione niente sanzione disciplinare per aver aderito allo sciopero

la Commissione di garanza per i servizi pubblici essenziali non si è mai espressa sulla proclamazione dello sciopero

29/04/2022  Un capostazione della Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. ha aderito ad uno sciopero proclamato da un’organizzazione sindacale del settore. L'azienda gli ha applicato la sanzione di 10 giorni di sospensione dal lavoro per aver abbandonato il posto di lavoro, avendo aderito ad uno sciopero che in realtà non riguardava il personale dipendente della Rete Ferroviaria Italiana. Il... [Leggi tutto]
L’elenco dei licenziati deve essere trasmesso con immediatezza e completezza, in unica soluzione

No allo spezzatino delle comunicazioni dei licenziamenti collettivi

L’elenco dei licenziati deve essere trasmesso con immediatezza e completezza, in unica soluzione

08/04/2022 La norma: art. 4 comma 9 della legge 223/1991: "9. Raggiunto l'accordo sindacale ovvero esaurita la procedura di cui ai commi 6, 7 e 8, l'impresa ha facoltà di licenziare gli impiegati, gli operai e i quadri eccedenti, comunicando per iscritto a ciascuno di essi il recesso, nel rispetto dei termini di preavviso. Entro sette giorni dalla comunicazione dei recessi, l'elenco dei... [Leggi tutto]
Il principio è stato applicato in una controversia del settore della vigilanza privata ma vale un po’ per tutti i settori

Doppia tutela per il lavoratore utilizzato nell'appalto che cessa col subentro di altra impresa

Il principio è stato applicato in una controversia del settore della vigilanza privata ma vale un po’ per tutti i settori

08/04/2022 Un’impresa del settore vigilanza cessa il contratto di appalto al quale subentra altra società. L'impresa cessante comunica al lavoratore il licenziamento per il cambio di appalto e il passaggio delle maestranze alle dipendenze della nuova società, senza soluzione di continuità, in base agli articoli 24 e seguenti del contratto collettivo del settore della... [Leggi tutto]
I diritti futuri non sono rinunciabili nemmeno con il verbale di conciliazione sottoscritto davanti al giudice

I diritti rinunciabili dal lavoratore sono solo quelli già entrati nel suo patrimonio

I diritti futuri non sono rinunciabili nemmeno con il verbale di conciliazione sottoscritto davanti al giudice

31/03/2022 Un lavoratore agisce in Tribunale chiedendo la nullità del termine finale apposto al suo contratto di lavoro subordinato, assumendone l’illegittimità sebbene fosse stato sottoscritto in un verbale di conciliazione avanti l’autorità giudiziaria. Il Tribunale ha rigettato il ricorso ma la Corte di Appello di Firenze lo ha accolto, condannando il datore di lavoro... [Leggi tutto]

Codice avvocati, dovere di segretezza e riservatezza.

17/11/2015   DAL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE L’avvocato esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi della persona, assicurando la conoscenza delle leggi e contribuendo in tal modo all’attuazione dell’ordinamento per i fini della giustizia.  Art. 7 – Dovere di... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

16/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficiente i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Video conferenza, strumento di grande utilità per l'attività professionale

16/11/2015 Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la video conferenza. Realizzare un sistema di video conferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Occorre semplicemente un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il... [Leggi tutto]

La retribuzione a certe condizioni si può anche diminuire

16/11/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l'art. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa nuova... [Leggi tutto]

La lettera di assunzione, il documento più importante del rapporto di lavoro

16/11/2015 La lettera di assunzione rappresenta il contratto di lavoro. Nella lettera di assunzione devono essere riportate tutte le condizioni di lavoro: retribuzione, mansioni, patto di prova, applicazione del contratto collettivo, inquadramento, compenso, numero delle mensilità e ogni altro elemento utile ad identificare il trattamento economico e normativo pattuito.Nella lettera di assunzione... [Leggi tutto]