A- A A+

Il giudice non è vincolato dalle norme disciplinari del contratto collettivo

il controllo giurisdizionale sulla proporzione della sanzione appartiene sempre al giudice

Il datore di lavoro contesta al lavoratore la scarsità di rendimento in relazione alla fornitura di un lotto di 30 pezzi e la recidiva in due  precedenti condotte che erano state punite con la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione. Il tribunale e la corte di appello hanno rigettato l'impugnazione del licenziamento intimato con il preavviso. Ha proposto ricorso in cassazione il lavoratore lamentando la erroneità in diritto delle sentenze hanno statuito sulla legittimità del suo licenziamento disciplinare. La cassazione, decidendo sul ricorso del lavoratore, ha affermato che la sentenza è giuridicamente corretta perché ha rigettato l'impugnazione del licenziamento non in conseguenza di una meccanica applicazione della previsione del contratto collettivo che consentiva il recesso per giustificato motivo soggettivo in presenza di due precedenti sospensioni dal lavoro comminate al lavoratore ma dall'autonoma valutazion dei fatti da parte dei giudici fondata sulla prognosi negativa in ordine al miglioramento dei rapporti e all'aumento di diligenza nell'esecuzione della prestazione da parte del lavoratore. Per la cassazione, sia il tribunale che la corte di appello hanno correttamente escluso "la configurabilità in astratto di qualsivoglia automatismo nell'irrogazione di sanzioni disciplinari, specie laddove queste consistano nella massima sanzione, permanendo anche in presenza di previsione collettiva, il sindacato giurisdizionale sulla proporzionalità della sanzione rispetto al fatto addebitato".

Le norme del contratto collettivo, che disciplinano l'esercizio del potere disciplinare da parte del datore di lavoro, non vincolano il giudice che, in materia di licenziamento disciplinare, dovrà far sempre riferimento alla nozione di giusta causa così come definita dall'articolo 2119 del codice civile.
Cassazione sez. lav.  28/01/2019, n. 2289.

 

Nel dipinto: Deucalione e Pirra; da Villa Farnesina, Roma.

Codice avvocati, dovere di segretezza e riservatezza.

17/11/2015 DAL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE L’avvocato esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi della persona, assicurando la conoscenza delle leggi e contribuendo in tal modo all’attuazione dell’ordinamento per i fini della giustizia.  Art. 7 – Dovere di fedeltà.... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

16/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficiente i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Video conferenza, strumento di grande utilità per l'attività professionale

16/11/2015 Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la video conferenza. Realizzare un sistema di video conferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Occorre semplicemente un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il... [Leggi tutto]

La retribuzione a certe condizioni si può anche diminuire

16/11/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l'art. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa nuova... [Leggi tutto]

La lettera di assunzione, il documento più importante del rapporto di lavoro

16/11/2015 La lettera di assunzione rappresenta il contratto di lavoro. Nella lettera di assunzione devono essere riportate tutte le condizioni di lavoro: retribuzione, mansioni, patto di prova, applicazione del contratto collettivo, inquadramento, compenso, numero delle mensilità e ogni altro elemento utile ad identificare il trattamento economico e normativo pattuito.Nella lettera di assunzione... [Leggi tutto]