A- A A+

La commessa dà al marito i buoni sconto della tessera promozionale di un cliente per un valore di 24 euro: licenziata immediatamente

La Cassazione ha confermato la sanzione per la irreversibile lesione del vincolo fiduciario

A una cassiera presso un punto vendita della società datrice di lavoro è stato contestato di aver omesso di consegnare 8 buoni sconto del 10% sulla spesa alla cliente che era titolare di una tessera promozionale, per un valore complessivo di € 24; questi buoni sono stati  risultati come spese presso il punto vendita dal marito della cassiera il giorno successivo all'omessa consegna alla cliente. I buoni sconto erano collegati a un numero identificativo della tessera che apparteneva ad una cliente che, interpellata dall'azienda, aveva dichiarato di averla smarrito tempo prima. Dal filmato del servizio di video sorveglianza del punto vendita era ritratto il consorte della commessa mentre pagava presso la cassa utilizzando dei buoni, poi risultati emessi tutti a poca distanza di tempo e collegati tutti ad una stessa tessera. La corte di appello aveva concluso, analizzando i vari indizi, sull'esistenza del raggiungimento della prova in ordine al volontario e indebito utilizzo dei buoni spesa da parte della commessa spettanti ad altri clienti. Su questi indizi ha riformato la sentenza del tribunale dichiarando la piena legittimità del licenziamento.

La Corte di Cassazione ha confermato la sentenza della Corte di Appello ricollegando i fatti alla fattispecie penale della truffa stanti i raggiri posti in essere dalla lavoratrice che hanno leso in modo irreparabile l'elemento fiduciario del contratto di lavoro "indipendentemente da una valutazione economica dell'entità del danno causato alla datrice di lavoro, certamente non rilevante". Per la Cassazione, la corte di appello ha "correttamente utilizzando il ragionamento probatorio presuntivo secondoi principi scaturenti dalla norma di cui all'articolo 2729 codice civile, ha ricavato dall'esame dei fatti secondari, dotati dell'efficacia probatoria di gravità, precisione e concordanza, la prova del fatto principale: la consapevole volontà della lavoratrice di utilizzare per sé, con la complicità del marito, i buoni sconto che aveva abbinato ad una tessera smarrita tempo addietro dalla proprietaria". Il ricorso della lavoratrice è stato così definitivamente respinto per avere essa violato i principi di correttezza, di buona fede e di fedeltà.
Cassazione, sezione lavoro, sentenza n. 11.181 depositata il 23 aprile 2019

Codice avvocati, dovere di segretezza e riservatezza.

17/11/2015 DAL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE L’avvocato esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi della persona, assicurando la conoscenza delle leggi e contribuendo in tal modo all’attuazione dell’ordinamento per i fini della giustizia.  Art. 7 – Dovere di fedeltà.... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

16/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficiente i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Video conferenza, strumento di grande utilità per l'attività professionale

16/11/2015 Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la video conferenza. Realizzare un sistema di video conferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Occorre semplicemente un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il... [Leggi tutto]

La retribuzione a certe condizioni si può anche diminuire

16/11/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l'art. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa nuova... [Leggi tutto]

La lettera di assunzione, il documento più importante del rapporto di lavoro

16/11/2015 La lettera di assunzione rappresenta il contratto di lavoro. Nella lettera di assunzione devono essere riportate tutte le condizioni di lavoro: retribuzione, mansioni, patto di prova, applicazione del contratto collettivo, inquadramento, compenso, numero delle mensilità e ogni altro elemento utile ad identificare il trattamento economico e normativo pattuito.Nella lettera di assunzione... [Leggi tutto]