A- A A+

Il tribunale afferma la semplice illegittimità del licenziamento per giustificato motivo oggettivo con la corresponsione della sola indennità risarcitoria

tag  News  riforma 

30/04/2019

La corte d'appello riforma la sentenza e dichiara la natura ritorsiva del licenziamento con diritto alla reintegrazione nel posto di lavoro

Il tribunale di Roma , pronunciandosi sull'impugnazione del licenziamento per giustificato motivo oggettivo intimato dall'azienda, dichiarava illegittimo il recesso. Nel contempo, però, il tribunale dichiarava risolto il rapporto di lavoro alla data del licenziamento e condannava il datore di lavoro al solo pagamento di un'indennità risarcitoria pari al 22 mensilità dell'ultima retribuzione globale di fatto percepita, oltre accessori. Contro la sentenza proponeva reclamo il lavoratore assumendo che il licenziamento aveva in realtà natura ritorsiva con la conseguente esistenza del suo diritto ad essere reintegrato nel posto di lavoro con il risarcimento del danno. La corte di appello, riformando la sentenza del tribunale, rilevava che in effetti il licenziamento per giustificato motivo oggettivo era infondato perché le mansioni già svolte da quel lavoratore erano state assegnate ad un altro lavoratore e che l'assunta riorganizzazione aziendale era del tutto inesistente considerato che la riorganizzazione sarebbe stata programmata nel 2011 ma il provvedimento del licenziamento adottato nel 2015. Il licenziamento, per la corte di appello, in effetti era connesso alle rivendicazioni economiche con la rivendicazione del diverso e superiore inquadramento richiesto in precedenza dal lavoratore e con la circostanza della fruizione di un periodo di malattia da parte dello stesso collaboratore. Queste circostanze sono state utilizzate dalla corte di appello come indizi univoci e concordanti per affermare la natura ritorsiva del licenziamento intimato al lavoratore. Dalla natura ritorsiva del licenziamento consegue l'obbligo aziendale della reintegrazione nel posto di lavoro.

L'azienda ha reagito alla sentenza della corte d'appello proponendo ricorso in cassazione con la prospettazione di ben 7 motivi. La cassazione, però, ha rigettato integralmente tutti i motivi proposti perché inammissibili: per la cassazione il datore di lavoro con i suoi motivi intendeva ottenere una diversa valutazione di fatti di causa. Ma la cassazione non ha il potere di intervenire sulla valutazione dei fatti perché questa valutazione è rimessa interamente ai giudici di merito. Il ricorso datoriale, pertanto, è stato dichiarato inammissibile e respinto.
Cassazione sentenza numero 11.352, resa pubblica il 29 aprile 2019.

Codice avvocati, dovere di segretezza e riservatezza.

17/11/2015 DAL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE L’avvocato esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi della persona, assicurando la conoscenza delle leggi e contribuendo in tal modo all’attuazione dell’ordinamento per i fini della giustizia.  Art. 7 – Dovere di fedeltà.... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

16/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficiente i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Video conferenza, strumento di grande utilità per l'attività professionale

16/11/2015 Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la video conferenza. Realizzare un sistema di video conferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Occorre semplicemente un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il... [Leggi tutto]

La retribuzione a certe condizioni si può anche diminuire

16/11/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l'art. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa nuova... [Leggi tutto]

La lettera di assunzione, il documento più importante del rapporto di lavoro

16/11/2015 La lettera di assunzione rappresenta il contratto di lavoro. Nella lettera di assunzione devono essere riportate tutte le condizioni di lavoro: retribuzione, mansioni, patto di prova, applicazione del contratto collettivo, inquadramento, compenso, numero delle mensilità e ogni altro elemento utile ad identificare il trattamento economico e normativo pattuito.Nella lettera di assunzione... [Leggi tutto]