A- A A+

Un Impiegato infedele dell'atm di Milano produce biglietti di viaggio che non contabilizza. Licenziato per giusta causa

tag  News  licenziamento  tribunale  Milano  Colosimo  Atm 

18/09/2019

Il sistema informatico difettoso dell'azienda municipalizzata all'epoca dei fatti consentiva questa possibilità

L'ATM di Milano ha contestato a un impiegato la violazione dei suoi doveri di fedeltà, correttezza e buona fede perché ha prodotto, attraverso il suo identificativo personale, ben 310 titoli di viaggio di diversa tipologia che sono stati utilizzati per l'accesso alla rete di trasporto, senza che nessuno di essi fosse stato contabilizzato perché non risultavano essere stati inseriti nei sistemi informatici aziendali quali titoli di vendita. Il danno per l'azienda municipale dei trasporti, corrispondente al valore dei titoli di viaggio, è stato pari ad euro 2507. Questa somma è stata incassata dall'operatore infedele e da altri complici interni.
 All'esito della procedura di contestazione di addebito il lavoratore è stato licenziato per giusta causa.  
 Contro il licenziamento è stato proposto  ricorso avanti il tribunale di Milano che, però, ha rigettato la domanda dell'impiegato che è stato condannato all'integrale e robusto pagamento delle spese processuali a favore dell'azienda municipale.  Il tribunale di Milano ha ritenuto che l'azienda avesse fornito idonea prova dei fatti di rilevanza disciplinare che aveva contestato al lavoratore.
L'azienda municipale ha dato la prova che il sistema informatico aziendale consentiva di risalire alla macchina che aveva prodotto i biglietti in contestazione, alla data, all' ora di produzione del biglietto, alla tipologia del titolo, all'operatore che aveva provveduto alla sua emissione. La macchina che emetteva il biglietto era collegata a una tessera dell'operatore e ad un codice pin  assegnato al titolare della tessera. Il tribunale ha accertato che l'emissione fraudolenta dei titoli di viaggio era oggettivamente possibile prima che intervenissero le modifiche softwaristi aziendali che hanno mutato quel sistema difettoso.
Il comportamento del lavoratore è stato ritenuto dal tribunale come una palese violazione di ciò che "la coscienza sociale considera il minimum etico, una condotta che va oltre il totale inadempimento dei doveri fondamentali del rapporto di lavoro, trasmodando nell'illecito penale. Nell'occasione vi è stata la manomissione indebita dell'utilizzo degli strumenti aziendali, per un arco temporale rilevante e un comportamento che denota pervicacia e sistematicità e quindi un tenace e  radicato intento doloso.
Tribunale di Milano giudice Dottoressa Colosimo ordinanza del 22 gennaio 2019 nella causa un ruolo generale 9752/2018.

Codice avvocati, dovere di segretezza e riservatezza.

17/11/2015 DAL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE L’avvocato esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi della persona, assicurando la conoscenza delle leggi e contribuendo in tal modo all’attuazione dell’ordinamento per i fini della giustizia.  Art. 7 – Dovere di fedeltà.... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

16/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficiente i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Video conferenza, strumento di grande utilità per l'attività professionale

16/11/2015 Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la video conferenza. Realizzare un sistema di video conferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Occorre semplicemente un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il... [Leggi tutto]

La retribuzione a certe condizioni si può anche diminuire

16/11/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l'art. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa nuova... [Leggi tutto]

La lettera di assunzione, il documento più importante del rapporto di lavoro

16/11/2015 La lettera di assunzione rappresenta il contratto di lavoro. Nella lettera di assunzione devono essere riportate tutte le condizioni di lavoro: retribuzione, mansioni, patto di prova, applicazione del contratto collettivo, inquadramento, compenso, numero delle mensilità e ogni altro elemento utile ad identificare il trattamento economico e normativo pattuito.Nella lettera di assunzione... [Leggi tutto]