A- A A+

La contribuzione previdenziale è dovuta anche se le parti conciliano la controversia.

I contributi previdenziali sono un diritto degli istituti previdenziali di cui l'azienda e il lavoratore non hanno la disponibilità

 

Il tribunale ritiene nullo un contratto a termine del 2003; applicando la normativa vigente all'epoca, ha condannato l'azienda al pagamento della retribuzione dalla data della messa a disposizione dell'attività lavorativa sino alla data della pronuncia della sentenza.

Le parti, dopo la pronuncia della sentenza, hanno sottoscritto tra loro una transazione con la quale hanno bonariamente definito la controversia, con il riconoscimento a favore del lavoratore di un importo a titolo risarcitorio. Hanno escluso la corresponsione di una qualsiasi forma di retribuzione per evitare il versamento della contribuzione previdenziale.

L'Inps, però, ha chiesto il pagamento dei contributi previdenziali dovuti dall'azienda dal 26 maggio 2003 al 26 gennaio 2005, come se il lavoratore avesse percepito l'intera retribuzione a lui riconosciuta dalla sentenza. L'azienda ha rifiutato questo versamento; la corte d'appello, riformando la sentenza del tribunale, accoglieva la domanda dell'istituto previdenziale. La cassazione ha confermato la condanna al pagamento della contribuzione ritenendo corretta la sentenza. Nell'occasione la corte di cassazione, dando continuità al suo costante orientamento giurisprudenziale, ha colto l'occasione per riaffermare il seguente principio " … in materia di obbligo contributivo del datore di lavoro, la transazione intervenuta tra questi ed il lavoratore è inopponibile all'istituto previdenziale, in quanto la retribuzione imponibile di cui alla L. 30 aprile 1969, n. 153, art. 12, deve intendersi come tutto ciò che il lavoratore ha diritto di ricevere dal datore di lavoro, poichè il rapporto assicurativo e l'obbligo contributivo ad esso connesso sorgono con l'instaurazione del rapporto di lavoro, ma sono del tutto autonomi e distinti, sussistendo l'obbligo del datore di lavoro nei confronti dell'Istituto previdenziale indipendentemente dal fatto che gli obblighi retributivi nei confronti del prestatore d'opera siano adempiuti, in tutto o in parte, o che il lavoratore abbia rinunciato ai propri diritti ". Cassazione sezione lavoro numero 12.652, resa pubblica il 13 maggio 2019.

 

Leggere  anche:  I-contributi-previdenziali-non-possono-essere-inferiori-alla-retribuzione-del-contratto-collettivo-del-settore-merceologico-di-appartenenza.

Codice avvocati, dovere di segretezza e riservatezza.

17/11/2015 DAL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE L’avvocato esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi della persona, assicurando la conoscenza delle leggi e contribuendo in tal modo all’attuazione dell’ordinamento per i fini della giustizia.  Art. 7 – Dovere di fedeltà.... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

16/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficiente i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Video conferenza, strumento di grande utilità per l'attività professionale

16/11/2015 Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la video conferenza. Realizzare un sistema di video conferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Occorre semplicemente un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il... [Leggi tutto]

La retribuzione a certe condizioni si può anche diminuire

16/11/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l'art. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa nuova... [Leggi tutto]

La lettera di assunzione, il documento più importante del rapporto di lavoro

16/11/2015 La lettera di assunzione rappresenta il contratto di lavoro. Nella lettera di assunzione devono essere riportate tutte le condizioni di lavoro: retribuzione, mansioni, patto di prova, applicazione del contratto collettivo, inquadramento, compenso, numero delle mensilità e ogni altro elemento utile ad identificare il trattamento economico e normativo pattuito.Nella lettera di assunzione... [Leggi tutto]