A- A A+

L’azienda assume l’esistenza di danni procurati dalla dipendente e li compensa con la liquidazione.

tag  diligenza  fedeltà  obbligo  compensazione  danno 

05/09/2019

Il Tribunale ha censurato il comportamento aziendale perché illegittimo

Un' impiegata ha prestato la sua attività lavorativa per quasi quarant'anni alle dipendenze di un'azienda. Essa, dopo questi decenni di serena prestazione lavorativa, ha risolto il rapporto di lavoro presentando le dimissioni. Dopo la presentazione delle dimissioni, e durante il periodo di preavviso, la società datrice di lavoro le ha contestato delle gravissime negligenze e infedeltà nell'adempimento delle mansioni assegnate. La lavoratrice ha respinto ogni contestazione ma l'azienda, ritenendo fondate le sue accuse, ha trattenuto dalle competenze di fine rapporto, che doveva alla lavoratrice, la somma di euro 200.000 a titolo di risarcimento dei danni subiti in conseguenza di quelle inadempienze, operando la compensazione tra gli opposti crediti. Quel risarcimento dei danni così ha assorbito interamente le competenze di fine rapporto maturate. La lavoratrice ha reagito promuovendo l'azione di pagamento avanti il Tribunale di Milano. L'azienda ha resistito contro questa richiesta chiedendo al tribunale che le fosse riconosciuto questo importo, trattenuto a titolo di risarcimento dei danni, ma sbaglia nel proporre la sua difesa perché, pur svolgendo questa domanda riconvenzionale, omette di chiedere al giudice lo slittamento dell'udienza. Il Tribunale ha, così, dichiarato l'inammissibilità della domanda risarciotria dell’azienda e, comunque, ha colto l'occasione per affermare incidentalmente, che il datore di lavoro, in quel contesto giuridico, non aveva il diritto di operare in modo unilaterale ed arbitraria quella compensazione tra gli opposti crediti trattenendo le competenze di fine rapporto. Si tratta di una compensazione che ha definito "atecnica". La domanda di risarcimento dell'azienda è stata respinta anche  perché aveva l'onere di dare la prova idonea e rigorosa delle accuse rivolte contro la lavoratrice. Questa prova non era stata offerta.

L’azienda se dovesse vantare crediti risarcitori contro il suo dipendente prima di poterli compensare con la retribuzione o le competenze di fine rapporto deve munirsi di una sentenza per rendere il suo credito certo, liquido ed esigibile.

Tribunale di Milano sentenza numero 1895 pubblicata il 22 agosto 2019.

 

Codice avvocati, dovere di segretezza e riservatezza.

17/11/2015 DAL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE L’avvocato esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi della persona, assicurando la conoscenza delle leggi e contribuendo in tal modo all’attuazione dell’ordinamento per i fini della giustizia.  Art. 7 – Dovere di fedeltà.... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

16/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficiente i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Video conferenza, strumento di grande utilità per l'attività professionale

16/11/2015 Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la video conferenza. Realizzare un sistema di video conferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Occorre semplicemente un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il... [Leggi tutto]

La retribuzione a certe condizioni si può anche diminuire

16/11/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l'art. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa nuova... [Leggi tutto]

La lettera di assunzione, il documento più importante del rapporto di lavoro

16/11/2015 La lettera di assunzione rappresenta il contratto di lavoro. Nella lettera di assunzione devono essere riportate tutte le condizioni di lavoro: retribuzione, mansioni, patto di prova, applicazione del contratto collettivo, inquadramento, compenso, numero delle mensilità e ogni altro elemento utile ad identificare il trattamento economico e normativo pattuito.Nella lettera di assunzione... [Leggi tutto]