A- A A+

Un operaio cade rovinosamente dall'alto mentre si eseguono dei lavori sui lucernari di un capannone

tag  News 

23/04/2019

Alla responsabilità penale del datore di lavoro e del preposto di cantiere, si aggiunge anche quella del coordinatore della sicurezza

Il Tribunale ha ritenuto la responsabilità penale per un infortunio sul lavoro a carico del coordinatore della progettazione ed esecuzione dei lavori. Il tribunale penale ha ritenuto sussistente la responsabilità perché questo responsabile non aveva provveduto ad adeguare le prescrizioni del piano di sicurezza e di coordinamento all'effettiva realtà del cantiere, in relazione al rischio di caduta dall'alto. Nell'occasione erano state emesse prescrizioni generiche che non prevedevano la puntuale individuazione delle fasi di lavoro e delle zone in cui vi era tale rischio; non erano state adottate adeguate misure di prevenzione e protezione come ad esempio la predisposizione di reti anticaduta. Durante i lavori un lavoratore era caduto dall'alto mentre appoggiare il piede su una lastra che cedeva sotto il suo peso.

Il coordinatore per l'esecuzione dei lavori ha fatto ricorso in cassazione sostenendo di avere solo "un dovere di alta vigilanza, che non implica una continua presenza nel cantiere, con ruolo di controllo sulle contingenti lavorazioni in atto…".
Per l'imputato "L’infortunio occorso al lavoratore è avvenuto esclusivamente per un' imprudente e negligente esuberanza di quest’ultimo, a cui si è aggiunta una negligenza di controllo da parte del datore di lavoro. Il lavoratore, infatti, non indossava i dispositivi di protezione individuali prescritti, si spostava sul cantiere, in zona pericolosa, senza autorizzazione e non seguiva le prescrizioni a lui impartite ....L’infortunio è dunque riconducibile, al più, ad una mancanza del preposto di cantiere, al quale spettava il controllo e che non ha verificato il costante utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, senza alcuna responsabilità del coordinatore, che ha anche indicato talune mancanze relative alle scelte adottate dall’impresa esecutrice dei lavori in relazione allo specifico rischio di caduta dall’alto ".
La Cassazione ha respinto il ricorso affermando che "il coordinatore per l’esecuzione - figura introdotta dal D.Lgs. n. 494 del 1996, art. 5, in attuazione della Direttiva 92/57/CEE sulle prescrizioni minime di sicurezza e di salute nei cantieri temporanei o mobili - deve assicurare il collegamento fra impresa appaltatrice e committente (Cass., Sez. 4, n. 17800 del 28-4-2014, Marconi), al fine di realizzare la migliore organizzazione, ed ha il compito di adeguare il piano di sicurezza in relazione alla evoluzione dei lavori, di vigilare sul rispetto del piano stesso e di sospendere, in caso di pericolo grave e imminente, le singole lavorazioni. Il coordinatore per l’esecuzione dei lavori è titolare di una autonoma posizione di garanzia, che comprende non solo l’istruzione dei lavoratori sui rischi connessi alle attività lavorative svolte e il compito di adottare tutte le opportune misure di sicurezza ma anche la loro effettiva predisposizione nonché la verifica costante sulla concreta osservanza delle misure adottate, al fine di evitare che esse siano trascurate e disapplicate, e, infine, il controllo sul corretto utilizzo, in termini di sicurezza, degli strumenti di lavoro e sul processo stesso di lavorazione. Il coordinatore per l’esecuzione dei lavori è, infatti, titolare di una posizione di garanzia nei confronti dei lavoratori, ed ha, pertanto, l’obbligo di predisporre e fare osservare i presidi di sicurezza richiesti dalla legge per l’esecuzione dei lavori, a nulla rilevando la compresenza di un "coordinatore della sicurezza in fase di progettazione" ed, eventualmente, di un "coadiutore della sicurezza in fase di esecuzione", a loro volta titolari di autonome e concorrenti posizioni di garanzia. ".
La Cassazione ha affermato che i giudici di merito hanno accertato la responsabilità penale del coordinatore con una motivazione precisa e con approfondita analisi delle acquisizioni probatorie disponibili,. Il coordinatore della sicurezza ha violato i suoi doveri di vigilanza e di adozione delle necessarie misure per evitare l'infortunio sul lavoro, con caduta dall'alto.
Sentenza della Cassazione numero 17.213, depositata il 19 aprile.

 

Codice avvocati, dovere di segretezza e riservatezza.

17/11/2015 DAL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE L’avvocato esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi della persona, assicurando la conoscenza delle leggi e contribuendo in tal modo all’attuazione dell’ordinamento per i fini della giustizia.  Art. 7 – Dovere di fedeltà.... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

16/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficiente i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Video conferenza, strumento di grande utilità per l'attività professionale

16/11/2015 Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la video conferenza. Realizzare un sistema di video conferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Occorre semplicemente un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il... [Leggi tutto]

La retribuzione a certe condizioni si può anche diminuire

16/11/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l'art. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa nuova... [Leggi tutto]

La lettera di assunzione, il documento più importante del rapporto di lavoro

16/11/2015 La lettera di assunzione rappresenta il contratto di lavoro. Nella lettera di assunzione devono essere riportate tutte le condizioni di lavoro: retribuzione, mansioni, patto di prova, applicazione del contratto collettivo, inquadramento, compenso, numero delle mensilità e ogni altro elemento utile ad identificare il trattamento economico e normativo pattuito.Nella lettera di assunzione... [Leggi tutto]