A- A A+

Cambia per legge la liquidazione del danno differenziale in materia di infortunio sul lavoro

tag  News  risarcimento  danno  ansietà  amianto  tumore 

10/04/2019

La comparazione è tra quanto globalmente percepito dall’Inail e quanto globalmente spettante per le norme civilistiche

Il danno differenziale da infortunio sul lavoro è il danno che il lavoratore ha subito ma che non è stato risarcito dall’Inail.  Il danno differenziale è costituito essenzialmente  dal danno biologico e dal danno morale e da quei particolari e ulteriori danni che, pur esistendo,  non trovano ingresso nei criteri che per legge adotta l’inali per la liquidazione. Questi danni di cui risponde direttamente la persona dell’imprenditore devono essere provati in modo rigoroso dal lavoratore che li deduce. Il danno liquidato dall’inail nella sua totalità è composto da varie voci previste imperativamente per legge. Il danno differenziale è il danno che la parte danneggiata ha effettivamente subito in conseguenza immediata e diretta dell’inadempimento dell’azienda e deve essere liquidato secondo i parametri previsti dal codice civile. Dal confronto tra danno risarcibile con le norme del codice civile e danno risarcibile per legge dall’Inail nasce  l’eventuale danno ancora spettante per differenza.

La legge n. 14/2018 ha modificato i criteri di liquidazione del danno differenziale da infortunio sul lavoro intervenendo in modo deciso sulla vigente normativa. Prima dell'entrata in vigore della legge, la comparazione dei  due diversi criteri di risarcibilità dei danni doveva avvenire per singoli istituti; nel caso di risultanza di una differenza a favore del lavoratore, l'impresa era condannata al pagamento di questo differenziale per lo specifico istituto esaminato (inabilità temporanea, assoluta e relativa, invalidità permanente, danno biologico). La nuova legge  del 2018, ha previsto esplicitamente che il danno differenziale sia il risultato che si ottiene sottraendo dal risarcimento "complessivamente calcolato per il pregiudizio oggetto di indennizzo" la indennità che a qualsiasi titolo è stata liquidata all'infortunato o ai suoi aventi diritto dall'Inail. L'obbligo risarcitorio del datore di lavoro, ove non operi l'esonero, comprende ora unicamente la parte che eccede tutte le indennità liquidate considerate in modo unitario. Questa norma non ha effetti retroattivi; essa si applica agi infortuni sul lavoro avvenuti in epoca successiva alla sua entrata in vigore.  Agli infortuni sul lavoro, avvenuti in epoca antecedente alla sua entrata in vigore, continua ad applicarsi la vecchia normativa, sia pur diversamente interpretata dai giudici.

Le complesse e particolari  problematiche giuridiche connesse all'entrata in vigore della nuova normativa sono state trattate dalla Cassazione della sezione lavoro nella sentenza numero 8580 depositata il 27 marzo 2019. Per l'interesse di questa sentenza riveste la offriamo in lettura nel testo integrale.Cassazione civile sez. lavoro n. 8580 del 27 marzo 2019

 

 

Codice avvocati, dovere di segretezza e riservatezza.

17/11/2015 DAL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE L’avvocato esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi della persona, assicurando la conoscenza delle leggi e contribuendo in tal modo all’attuazione dell’ordinamento per i fini della giustizia.  Art. 7 – Dovere di fedeltà.... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

16/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficiente i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Video conferenza, strumento di grande utilità per l'attività professionale

16/11/2015 Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la video conferenza. Realizzare un sistema di video conferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Occorre semplicemente un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il... [Leggi tutto]

La retribuzione a certe condizioni si può anche diminuire

16/11/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l'art. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa nuova... [Leggi tutto]

La lettera di assunzione, il documento più importante del rapporto di lavoro

16/11/2015 La lettera di assunzione rappresenta il contratto di lavoro. Nella lettera di assunzione devono essere riportate tutte le condizioni di lavoro: retribuzione, mansioni, patto di prova, applicazione del contratto collettivo, inquadramento, compenso, numero delle mensilità e ogni altro elemento utile ad identificare il trattamento economico e normativo pattuito.Nella lettera di assunzione... [Leggi tutto]