A- A A+

Se l’orario di lavoro muta da notturno in diurno non è più dovuta la relativa indennità

tag  News  lavoro  notturno  diurno  indennità  mutamento  variazione 

27/09/2019

Perchè cessa la sua ragion d’essere

Una lavoratrice presta la sua attività lavorativa in orario notturno percependo la relativa indennità del lavoro notturno prevista dal contratto collettivo. l’azienda trasferisce la lavoratrice in altro luogo di lavoro e muta l’orario di lavoro facendola lavorare solo in ore diurne. Con il mutamento dell’orario di lavoro da notturno in diurno l’azienda sopprime la corresponsione dell’indennità notturna corrisposta in precedenza.

La corte di appello ritiene legittimo il comportamento aziendale perché l’indennità del lavoro notturno non è dovuta non essendovi più la prestazione nelle ore notturne, per legittima decisione dell’imprenditore che ha trasferito la lavoratrice nella sussistenza delle comprovate ragioni giustificatrici previste dal codice civile e dal contratto collettivo. Contro la sentenza della corte di appello ha proposto ricorso in Cassazione la lavoratrice assumendo che la la corte di appello aveva errato ritenendo legittima la mancata erogazione, dopo il mutamento delle modalità di svolgimento del lavoro, dell'indennità di lavoro notturno in contrasto con l’art. 2103 c.c.

La cassazione ha respinto il ricorso della lavoratrice. A sostegno della sua decisione la Cassazione ha affermato che “Quanto alla mancata erogazione dell'indennità citata, deve rammentarsene la legittimità trattandosi di indennità cd. estrinseche, non connesse cioè alla qualità della prestazione o della persona del lavoratore (cd. indennità intrinseche), e dunque eliminabili col mutamento delle modalità di esecuzione della prestazione ed il venir meno della ragione per cui essa veniva erogata (lavoro notturno), cfr., ex aliis, Cass. n.6763\02. “ L’indennità notturna è una indennità che si deve corrispondere fino a quando e solo se il lavoratore presta la sua attività nelle ore notturne.

Cassazione Ordinanza Sez. Lavoro Num. 23918 pubblicata il 25 settembre 2019.

Codice avvocati, dovere di segretezza e riservatezza.

17/11/2015 DAL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE L’avvocato esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi della persona, assicurando la conoscenza delle leggi e contribuendo in tal modo all’attuazione dell’ordinamento per i fini della giustizia.  Art. 7 – Dovere di fedeltà.... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

16/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficiente i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Video conferenza, strumento di grande utilità per l'attività professionale

16/11/2015 Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la video conferenza. Realizzare un sistema di video conferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Occorre semplicemente un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il... [Leggi tutto]

La retribuzione a certe condizioni si può anche diminuire

16/11/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l'art. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa nuova... [Leggi tutto]

La lettera di assunzione, il documento più importante del rapporto di lavoro

16/11/2015 La lettera di assunzione rappresenta il contratto di lavoro. Nella lettera di assunzione devono essere riportate tutte le condizioni di lavoro: retribuzione, mansioni, patto di prova, applicazione del contratto collettivo, inquadramento, compenso, numero delle mensilità e ogni altro elemento utile ad identificare il trattamento economico e normativo pattuito.Nella lettera di assunzione... [Leggi tutto]