A- A A+

Se la procedura fallimentare intima al lavoratore il licenziamento deve riconoscergli l’indennità sostitutiva del preavviso

tag  News 

09/09/2019

Il Tribunale fallimentare nega questo diritto; la Cassazione lo riconosce

Il Tribunale fallimentare respinge l’opposizione di un lavoratore che aveva chiesto l’ammissione allo stato passivo del fallimento vantando il diritto all’indennità sostitutiva del preavviso in conseguenze del licenziamento a lui intimato.Il lavoratore  contro il decreto del Tribunale che ha respinto la sua domanda, ha proposto ricorso per Cassazione sostenendo che quand’anche il licenziamento gli fosse stato intimato dopo la dichiarazione di fallimento o in conseguenza del fallimento stesso, sussiste, comunque, il suo diritto all’indennità sostitutiva del preavviso in esecuzione dell’articolo 2119 ultimo comma del codice civile.

Il Tribunale fallimentare ha escluso il diritto del lavoratore a percepire all'indennità sostitutiva del preavviso sul rilievo che la dichiarazione di fallimento determina la oggettiva e totale impossibilita per gli organi della procedura di ricevere la prestazione, con facoltà per il curatore di proseguire l'esercizio dell'impresa ed anche i rapporti di lavoro oppure, come nel caso di specie, di recedere dal rapporto con i dipendenti senza alcun obbligo di preavviso e di risarcimento.

La Cassazione, invece, ha affermato che il Tribunale ha errato laddove non ha considerato il contenuto precettivo del capoverso dell'art. 2119 c.c. secondo cui il fallimento dell'imprenditore non è fatto idoneo a costituire causa di risoluzione del contratto di lavoro. Per la Cassazione ” il fallimento, non comportando la cessazione dell'impresa, non determina la cessazione dei rapporti di lavoro dei dipendenti del fallito nè per impossibilità sopravvenuta nè per giusta causa; ma può soltanto costituire giustificato motivo di recesso del curatore nell'esercizio dei poteri di gestione che gli competono per legge, ai sensi degli artt. 2118 c.c. e 3, L. n. 604 del 1966”.

Conseguentemente il lavoratore licenziato dalla procedura fallimentare ha diritto alla indennità sostitutiva del preavviso.

La Cassazione con riferimento al caso specifico sottoposto al suo esame ha accolto la domanda del lavoratore cassando il decreto della sezione fallimentare del Tribunale, anche perché risultava documentalmente che il licenziamento era stato intimato al lavoratore in epoca precedente alla dichiarazione di fallimento. Anche sotto questo aspetto quel diritto è stato erroneamente negato al lavoratore. Il Tribunale fallimentare è incorso in un doppio errore.

 Cassazione Sent. n. 14503. Data pubblicazione: 28/05/2019. 

Codice avvocati, dovere di segretezza e riservatezza.

17/11/2015 DAL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE L’avvocato esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi della persona, assicurando la conoscenza delle leggi e contribuendo in tal modo all’attuazione dell’ordinamento per i fini della giustizia.  Art. 7 – Dovere di fedeltà.... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

16/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficiente i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Video conferenza, strumento di grande utilità per l'attività professionale

16/11/2015 Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la video conferenza. Realizzare un sistema di video conferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Occorre semplicemente un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il... [Leggi tutto]

La retribuzione a certe condizioni si può anche diminuire

16/11/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l'art. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa nuova... [Leggi tutto]

La lettera di assunzione, il documento più importante del rapporto di lavoro

16/11/2015 La lettera di assunzione rappresenta il contratto di lavoro. Nella lettera di assunzione devono essere riportate tutte le condizioni di lavoro: retribuzione, mansioni, patto di prova, applicazione del contratto collettivo, inquadramento, compenso, numero delle mensilità e ogni altro elemento utile ad identificare il trattamento economico e normativo pattuito.Nella lettera di assunzione... [Leggi tutto]