A- A A+

Le nuove modalità di comunicazione delle dimissioni volontarie e della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro

tag  News  dimissioni  forma  presentazione.  per  il 

20/03/2016

Dal 12 marzo 2016 sono cambiate le modalità di presentazione delle dimissioni per il rapporto di lavoro subordinato. Le modalità sono dettate dall'esigenza di evitare l'odioso fenomeno delle lettere di presentazione delle dimissioni in bianco. Le dimissioni presentate con modalità diverse da quelle previste dalle nuove disposizioni sono inefficaci.

Il lavoratore se non presenta le sue dimissioni per giusta causa, è sempre tenuto a concedere al datore di lavoro il periodo di preavviso.

Le dimissioni devono essere presentate utilizzando il modulo adottato dal ministero. Il lavoratore può revocare le dimissioni entro sette giorni dalla loro presentazione, utilizzando le medesime modalità adottate per la loro presentazione.

Non occorre la presentazione delle dimissioni con il modulo in via informatica nei seguenti casi:

-dimissioni presentate nel periodo di prova;

-dimissioni presentate dai lavoratori domestici;

-dimissioni presentate dalle lavoratrici nel periodo di gravidanza o durante i primi tre anni di vita del bambino che devono essere, invece, convalidate avanti alla direzione del lavoro territorialmente competente;

-nei rapporti di lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

Le dimissioni  devono essere presentate utilizzando obbligatoriamente il modulo adottato dal ministero. Questo modulo deve essere compilato in ogni sua parte. Il modulo è disponibile sul sito del ministero del lavoro e delle politiche sociali, www.lavoro.gov.it.

Il lavoratore, per poter compilare il modulo e inviarlo, deve essere in possesso del suo codice personale Inps (pin Inps). Se non è in possesso di questo codice deve provvedere a richiederlo all'istituto previdenziale.

In modulo con la presentazione delle dimissioni è inviato dal sistema in modo automatico anche all'indirizzo di posta elettronica certificata del datore di lavoro che così ne avrà immediata conoscenza.

Le dimissioni presentate senza queste modalità sono inefficaci, con la conseguenza che il rapporto di lavoro continua ad essere ritenuto pienamente in vita.

Pubblichiamo la  Circolare_Ministero Lavoro_4 marzo2016_n. 12 che detta la nuova disciplina.