Pessima soluzione per la tutela dei diritti

La giustizia civile appaltata ai privati?

Pessima soluzione per la tutela dei diritti

10/10/2017 Il presidente dell' Ordine degli avvocati di Milano ha inviato al Corriere della Sera una lettera dal titolo " La deriva del processo a danno del cittadino " , che è stata pubblicata sabato 7 ottobre 2017, a pagina 28. A chi è sfuggito l'articolo, lo può leggere nella sua interezza nel documento sottostante al titolo sopra riportato. Ottima e... [Leggi tutto]

Aumentano le condanne e i costi contro lo Stato per le ingiuste detenzioni

23/01/2017 Solo nel 2016 lo Stato ha pagato ben 42 milioni di euro per risarcire le ingiuste detenzione  e cioè per risarcire coloro che sono stati oggetto di arresti che non andavano eseguiti  e per  risarcire  gli errori giudiziari. Questi errori nell'esercizio della potestà punitiva dello Stato,  hanno dei costi non indifferenti. Se la giustizia  penale... [Leggi tutto]

La sezione lavoro del tribunale di Milano continua ad essere virtuosa

04/10/2016 Il Corriere della  Sera del 20 novembre 2015   titolava un suo articolo a firma di Luigi  Ferrarella affermando “Milano primatista europea: sentenze di lavoro in 5 mesi Zero arretrali su 15.000 cause, in Sezione solo fascicoli del 2014-2015”. Questi dati statistici riportati nell’articolo un anno fa continuano a mantenere la loro... [Leggi tutto]

Per l’avvocato generale della corte europea, il velo islamico può essere vietato sul luogo di lavoro

01/06/2016  Un’azienda belga ha vietato l’uso del velo islamico a una dipendente addetta alla reception sostenendo che sul luogo di lavoro, nell’espletamento dell’attività lavorativa, il datore di lavoro poteva legittimamente impedire quest’ uso che denotava uno schieramento manifesto dell’orientamento religioso. L’uso ostentato dei segni religiosi in... [Leggi tutto]

Il primo licenziamento per motivi economici con la disciplina della nuova legge del jobs act del governo Renzi

21/11/2015 Con il licenziamento sottoposto alle nuove norme delle tutele crescenti, l’impresa, se perde la causa, rischia di pagare al lavoratore licenziato solo 4 mensilità a fronte del minimo di 12 e del massimo di 24 mensilità che avrebbe rischiato se il lavoratore avesse avuto un'anzianità di servizio anteriore al 7 marzo 2015. Un ristorante, che occupa 25 addetti, ha... [Leggi tutto]

Già operativo il nuovo Palazzetto di Giustizia di Milano

21/07/2015 Dalla metà del mese di luglio 2015  è entrata in funzione il nuovo Palazzetto  di Giustizia di Milano, via San Barnaba n.10, di fronte al tradizionale Palazzo di Giustizia , ma sul lato opposto, all'ingresso principale di corso di Porta Vittoria. Il trasloco  è stato realizzato in un caldo e afoso fine settimana, con la collaborazione della... [Leggi tutto]

La magistratura italiana la più produttiva in Europa.

15/12/2014 Dalle statistiche della Comunità Europea, scopriamo che i magistrati italiani sono primi in Europa nella definizione dei procedimenti penali (1.288.171 in un anno) e secondi nella definizione dei procedimenti civili (2.834.879 in un anno). Nel contempo però mancano 9000 cancellieri e nel settore penale ben 120 mila procedimenti sono dichiarati estinti per prescrizione.... [Leggi tutto]

Un decreto ingiuntivo emesso a tempo di record

31/10/2014 Il tribunale di Milano sez. lavoro ha emesso, su richiesta di un lavoratore, il decreto ingiuntivo di pagamento della retribuzione, in via telematica, dopo 20 ore dal deposito in cancelleria dell'istanza. Il ricorso per decreto ingiuntivo è stato depositato in cancelleria dal difensore giovedì 30 ottobre 2014 alle ore 13,06 ed è pervenuta all'avvocato la comunicazione... [Leggi tutto]

I contratti a progetto si riducono ma nel mercato mantengono una posizione significativa.

30/10/2014 La legge Fornero, entrata in vigore il 18 luglio 2012, ha ristretto il campo di operatività dei contratti a progetto prevedendo, tra l'altro, che il contratto a progetto non può  avere come prestazione la medesima attività del committente. Dopo l'intervento legislativo del 2012 si pensava che i contratti a progetto sarebbero quasi totalmente scomparsi dal nostro... [Leggi tutto]

La Sezione Lavoro del Tribunale di Milano, efficienza e celerità

30/10/2014 La Sezione Lavoro del Tribunale di Milano ormai da  anni continua a mantenersi efficiente con notevole capacità di definire le cause. Le cause sono definite in modo sempre più veloce, non si conosce la parola "arretrato". Nel 2014 le cause sono state definite in media in 155 giorni. La sezione lavoro del Tribunale di Milano rappresenta un esempio per tutti i... [Leggi tutto]

Spera di migliorare, cambia lavoro e trova la morte

27/02/2014 Spera di migliorare le sue condizioni; cambia lavoro ma il 1º giorno alla guida del camion gli è fatale: resta schiacciato mentre tenta di chiudere il portellone posteriore. Faceva, ed era, un bravo pasticcere. Aveva aiutato il padre nella conduzione di un ristorante e aveva aperto successivamente una sua pasticceria. Dopo essersi sposato, e aver avuto due figli, ha deciso... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

17/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficienti i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

Rotonda della Besana, Milano | Hotel St. George Milano

Lo studio.

Lo studio è ubicato nel centro storico di Milano, di fronte alla Rotonda della Besana, ed è adiacente al palazzo di giustizia.
Lo studio é aperto dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.30, dal lunedì al venerdì.
L'ubicazione dello studio é utile per le attività avanti tutti gli uffici giudiziari milanesi ( Giudice di Pace, Tribunale, Corte di Appello, Tar Lombardia). 

AI CLIENTI DELLO STUDIO

  Videoconferenza, piattaforma per videochiamate e chat a distanza ...Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la videoconferenza. Realizzare un sistema di videoconferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il collegamento via internet con banda larga  é tutto quello che occorre. Il sistema consente di avere confronti e colloqui in via immediata, con risparmio di tempo e di costi da parte di tutti. Uno strumento eccezionale per il lavoro e  per il collegamento tra i vostri uffici e lo studio.

L'AVVOCATURA STRUMENTO DEI DIRITTI E DELLA LIBERTA' 

La professione di avvocato incide nel campo della libertà, della sicurezza, della giustizia e, in modo più ampio, sulla protezione dello Stato di diritto. Essa si esercita con autonomia e indipendenza, dignità ed onore, segretezza professionale e lealtà, al fine di tutelare i diritti e gli interessi della persona nei confronti tanto dei privati quanto dei pubblici poteri, contribuendo così alla applicazione delle leggi ed alla corretta amministrazione della giustizia. In una società democratica l’Avvocatura rappresenta un baluardo normativo nella difesa dell’interesse pubblico al perseguimento della giustizia. L’avvocato, dunque, non è mero prestatore di servizi, in un’ottica di puro mercato; il suo é un impegno professionale e sociale, perché al di là del singolo caso concreto, che vede protagonisti le parti del processo, vi sono regole e principi generali che compongo l’ordinamento giuridico, sul cui rispetto è fondata la pacifica convivenza di tutti. Come scriveva l’illustre giurista, e Costituente, Piero Calamandrei: “Molte professioni possono farsi col cervello e non col cuore. Ma l’avvocato no. (…) L’avvocato deve essere prima di tutto un cuore: un altruista, uno che sappia comprendere gli altri uomini e farli vivere in sé, assumere i loro dolori e sentire come sue le loro ambasce. L’avvocatura è una professione di comprensione, di dedizione e di caritàPer questo amiamo la toga: per questo vorremmo che, quando il giorno verrà, sulla nostra bara sia posto questo cencio nero: al quale siamo affezionati perché sappiamo che esso ha servito a riasciugare qualche lacrima, a risollevare qualche fronte, a reprimere qualche sopruso: e soprattutto a ravvivare nei cuori umani la fede, senza la quale la vita non merita di essere vissuta, nella vincente giustizia”. L’avvocato è strumento stesso della giustizia, nella misura in cui avvicina chi ha subito un torto al giudice, che è chiamato a fornire il giusto rimedio di legge. Avv. Paolo Gallo