A- A A+

La Corte Costituzionale: tutela forte contro il licenziamento per motivo manifestamente infondato

tag  News  homepage  legge 

06/03/2021

Il giudice deve disporre la reintegrazione nel posto di lavoro

Il Tribunale del Lavoro di Ravenna ha dubitato della legittimità costituzionale dell'art. 18 dello Statuto dei Lavoratori nella parte in cui prevede che il giudice, quando accerta la manifesta insussistenza del fatto posto a base del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, possa-e non debba-disporre la reintegrazione nel posto di lavoro del lavoratore illegittimamente licenziato. La norma per il Tribunale di Ravenna appare irragionevole e discriminatoria. Con questa previsione la legge introduce un'arbitraria disparità di trattamento tra situazioni identiche nei loro elementi costitutivi. Non si possono introdurre trattamenti differenziati ingiustificati tra situazioni identiche. Non si può trattare in modo diverso il licenziamento per giustificato motivo oggettivo manifestamente ingiustificato dal licenziamento per giusta causa privo dei fatti di rilevanza disciplinare. Siamo in presenza di due licenziamenti ugualmente infondati ma con conseguenze diverse: nel licenziamento per giusta causa per motivi disciplinari insussistenti il giudice deve disporre la reintegrazione nel posto di lavoro, mentre nel licenziamento per giustificato motivo oggettivo manifestamente infondato, può decidere discrezionalmente di non disporre la reintegrazione e riconoscere la sola indennità risarcitoria.

La Corte Costituzionale ha accolto i profili di doglianza espressi nell'ordinanza del Tribunale di Ravenna. La norma contestata, così come formulata, per la Corte Costituzionale viola il principio di eguaglianza: "il carattere meramente facoltativo della reintegrazione, rivela, innanzitutto, una disarmonia interna al peculiare sistema delineato dalla legge n. 92 del 2012". Continua la Corte Costituzionale affermando che a tutto questo "si associa l'irragionevolezza intrinseca del criterio distintivo adottato, che conduce a ulteriori e ingiustificate disparità di trattamento". Per la Corte Costituzionale attribuire al giudice il potere discrezionale di disporre la reintegrazione o in alternativa riconoscere la sola indennità risarcitoria, anche nel caso in cui il lavoratore sia stato licenziato con una motivazione del tutto insussistente, fa sì che ne discenda “ un criterio giurisprudenziale, che per un verso, è indeterminato e improprio, e, per l' altro verso, privo di ogni attinenza con il disvalore del licenziamento." La Corte Costituzionale continua nella sua motivazione affermando che il criterio della norma di legge censurata "non si fonda su elementi oggettivi o razionalmente giustificabili e amplifica le incertezze del sistema". Non si può attribuire al giudice la scelta tra la tutela reintegratoria e la tutela indennitaria perché in questo modo si contraddice la finalità di un'equa ridistribuzione delle tutele dell'impiego. Il giudice deve avere parametri precisi a cui ricorrere per il corretto esercizio del suo potere discrezionale. Il giudice dal potere facoltativo di poter disporre la reintegrazione nel posto di lavoro, passa al dovere di disporla.

La norma è stata bollata dalla Corte Costituzionale anche come "irragionevole".

La Corte Costituzionale ha concluso affermando "... L’illegittimità costituzionale dell’art. 18, settimo comma, secondo periodo, della legge 20 maggio 1970, n. 300. Nella parte in cui prevede che il giudice, quando accerti la manifesta insussistenza del fatto posto a base del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, «può altresì applicare» – invece che «applica altresì» – la disciplina di cui al medesimo art. 18, quarto comma." La decisione della Corte Costituzionale si applica a tutte le controversie giudiziarie che non state ancora decise con sentenza passata in giudicato.

Questa sentenza della Corte Costituzionale del 2 Aprile 2021  interviene dopo ben 9 anni dall'entrata in vigore della legge Fornero che l’ha introdotta nel 2012.

Questa sentenza della Corte Costituzionale ovviamente produce i suoi effetti per i lavoratori assunti in epoca antecedente all'entrata in vigore del Jobs act (7 marzo 2015). Per i lavoratori assunti in epoca successiva, si applicano le sole tutele indennitarie anche se il licenziamento per giustificato motivo oggettivo o per motivi economici si dovesse presentare come manifestamente insussistente nelle sue apparenti ragioni giustificatrici.

Rotonda della Besana, Milano | Hotel St. George Milano

Lo studio.

Lo studio è ubicato nel centro storico di Milano, di fronte alla Rotonda della Besana, ed è adiacente al palazzo di giustizia.
Lo studio é aperto dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.30, dal lunedì al venerdì.
L'ubicazione dello studio é utile per le attività avanti tutti gli uffici giudiziari milanesi ( Giudice di Pace, Tribunale, Corte di Appello, Tar Lombardia). 

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

17/11/2015    Il nostro studio per rendere sempre più efficienti i suoi servizi, ha attivato a favore dei propri assistiti un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla controversia. In questo modo si  consente al cliente... [Leggi tutto]

AI CLIENTI DELLO STUDIO

  Videoconferenza, piattaforma per videochiamate e chat a distanza ...Per una migliore organizzazione, in termini di efficienza e di assoluta tempestività, per le consultazioni con lo studio, che abbiano carattere di urgenza, vi suggeriamo di usare la videoconferenza. Realizzare un sistema di videoconferenza è estremamente semplice, e a costo zero. Un computer, che abbia un video con le casse incorporate, e il collegamento via internet con banda larga  é tutto quello che occorre. Il sistema consente di avere confronti e colloqui in via immediata, con risparmio di tempo e di costi da parte di tutti. Uno strumento eccezionale per il lavoro e  per il collegamento tra i vostri uffici e lo studio.

L'AVVOCATURA STRUMENTO DEI DIRITTI E DELLA LIBERTA' 

La professione di avvocato incide nel campo della libertà, della sicurezza, della giustizia e, in modo più ampio, sulla protezione dello Stato di diritto. Essa si esercita con autonomia e indipendenza, dignità ed onore, segretezza professionale e lealtà, al fine di tutelare i diritti e gli interessi della persona nei confronti tanto dei privati quanto dei pubblici poteri, contribuendo così alla applicazione delle leggi ed alla corretta amministrazione della giustizia. In una società democratica l’Avvocatura rappresenta un baluardo normativo nella difesa dell’interesse pubblico al perseguimento della giustizia. L’avvocato, dunque, non è mero prestatore di servizi, in un’ottica di puro mercato; il suo é un impegno professionale e sociale, perché al di là del singolo caso concreto, che vede protagonisti le parti del processo, vi sono regole e principi generali che compongo l’ordinamento giuridico, sul cui rispetto è fondata la pacifica convivenza di tutti. Come scriveva l’illustre giurista, e Costituente, Piero Calamandrei: “Molte professioni possono farsi col cervello e non col cuore. Ma l’avvocato no. (…) L’avvocato deve essere prima di tutto un cuore: un altruista, uno che sappia comprendere gli altri uomini e farli vivere in sé, assumere i loro dolori e sentire come sue le loro ambasce. L’avvocatura è una professione di comprensione, di dedizione e di caritàPer questo amiamo la toga: per questo vorremmo che, quando il giorno verrà, sulla nostra bara sia posto questo cencio nero: al quale siamo affezionati perché sappiamo che esso ha servito a riasciugare qualche lacrima, a risollevare qualche fronte, a reprimere qualche sopruso: e soprattutto a ravvivare nei cuori umani la fede, senza la quale la vita non merita di essere vissuta, nella vincente giustizia”. L’avvocato è strumento stesso della giustizia, nella misura in cui avvicina chi ha subito un torto al giudice, che è chiamato a fornire il giusto rimedio di legge. Avv. Paolo Gallo