A- A A+

CANCELLATI DEFINITIVAMENTE I CONTRATTI A PROGETTO

tag  News 

20/12/2015

 

Il contratto a progetto con il decreto attuativo, il terzo del jobs act, cessa di esistere anche per quelle forme residuali che la legge Fornero del 2012 aveva continuato a mantenere. La legge  n.92 del 2012 prevede che i contratti a progetto non possono avere ad oggetto l’attività esercitata dal committente, dovendo essere un’attività estranea all’oggetto sociale dell’impresa.  Il nuovo decreto attuativo  del jobs act del febbraio 2015  adesso chiude definitivamente ogni porta affermando che sono riconducibili al rapporto di lavoro subordinato anche i “rapporti di collaborazione che si concretino in prestazioni di lavoro esclusivamente personali, continuative, di contenuto ripetitivo e le cui modalità di esecuzione siano organizzate dal committente anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro.”  Con questa norma ogni prestazione coordinata e continuativa, anche se contenente un progetto,  in presenza di organizzazione da parte del committente, è riconducibile alla figura del rapporto di lavoro subordinato. Le eccezioni a questa previsione sono le prestazioni coordinate e continuative rese da soggetti iscritti ad albi professionali (avvocati, ingegneri, medici, architetti, commercialisti, etc), le prestazioni rese dai componenti dei consigli di amministrazione, le prestazioni rese dai componenti di commissioni e collegi, le prestazioni di lavoro rese a fini istituzionali in favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali, le collaborazioni per le quali gli accordi collettivi stipulati dalle confederazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale prevedono discipline specifiche riguardanti il trattamento economico e normativo, in ragione delle particolari esigenze produttive ed organizzative del relativo settore.

Al momento è ben difficile immaginare quali posano essere le prestazioni sottratti alla vis actrattiva del rapporto di lavoro subordinato individuabili dalla contrazione collettiva, che è ancora tutta da costruire dalle parti collettive.

Con norma transitoria, è stato previsto nel nuovo decreto attuativo del jobs act, che i datori di lavoro,  che procedano entro il 2015 alla assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato i soggetti già parti di contratti di collaborazione coordinata e continuativa anche a progetto e di persone titolari di partita IVA, hanno il beneficio  dell ‘estinzione delle violazioni previste dalle disposizioni in materia di obblighi contributivi, assicurativi e fiscali connessi alla eventuale erronea qualificazione del rapporto di lavoro pregresso.

Questa previsione è subordinata alla prescrizione che datore di lavoro e collaboratore sottoscrivano tra loro un verbale di conciliazione in sede protetta non più impugnabile. Il verbale deve essere così sottoscritto avanti la direzione territoriale del lavoro, l'autorità giudiziaria, in sede sindacale oppure in sede arbitrale.

Le nuove norme sono nel Decreto legislativo riordino contratti e mansioni  n. 81 del 2015.

La norma di nostro specifico interesse è stata così formulata nel testo definitivo del decreto legislativo:

"Collaborazioni organizzate dal committente Art. 2 1.

A far data dal 1° gennaio 2016, si applica la disciplina del rapporto di lavoro subordinato anche ai rapporti di collaborazione che si concretano in prestazioni di lavoro esclusivamente personali, continuative e le cui modalita' di esecuzione sono organizzate dal committente anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro. 2. La disposizione di cui al comma 1 non trova applicazione con riferimento: a) alle collaborazioni per le quali gli accordi collettivi nazionali stipulati da associazioni sindacali comparativamente piu' rappresentative sul piano nazionale prevedono discipline specifiche riguardanti il trattamento economico e normativo, in ragione delle particolari esigenze produttive ed organizzative del relativo settore; b) alle collaborazioni prestate nell'esercizio di professioni intellettuali per le quali e' necessaria l'iscrizione in appositi albi professionali; c) alle attivita' prestate nell'esercizio della loro funzione dai componenti degli organi di amministrazione e controllo delle societa' e dai partecipanti a collegi e commissioni; d) alle collaborazioni rese a fini istituzionali in favore delle associazioni e societa' sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate e agli enti di promozione sportiva riconosciuti dal C.O.N.I., come individuati e disciplinati dall'articolo 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289. 3. Le parti possono richiedere alle commissioni di cui all'articolo 76 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, la certificazione dell'assenza dei requisiti di cui al comma 1. Il lavoratore puo' farsi assistere da un rappresentante dell'associazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato o da un avvocato o da un consulente del lavoro. 4. Fino al completo riordino della disciplina dell'utilizzo dei contratti di lavoro flessibile da parte delle pubbliche amministrazioni, la disposizione di cui al comma 1 non trova applicazione nei confronti delle medesime. Dal 1° gennaio 2017 e' comunque fatto divieto alle pubbliche amministrazioni di stipulare i contratti di collaborazione di cui al comma 1."

Lo studio a Milano

10/01/2016   Lo studio è  nel centro storico di Milano, di fronte alla Rotonda della Besana , adiacente al Palazzo di Giustizia . Lo studio é aperto dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.30, dal lunedì al venerdì.  L'ubicazione dello studio é utile per le attività avanti tutti gli uffici giudiziari milanesi... [Leggi tutto]

DAL NOSTRO STUDIO LO STREAMING SUL JOBS ACT

23/06/2015 Dallo studio  il 24 giugno 2015 dalle  ore 15,30 è andato in onda uno streaming sulla riforma del licenziamento ultimamente introdotta dal Jobs act del governo Renzi, che ha modificato la legge Fornero e l’art. 18 dello Statuto dei lavoratori .  Il filmato continua ad essere visibile con questa  accesso allo streaming   [Leggi tutto]

Il licenziamento collettivo: la procedura

23/12/2015 L'impresa con più di 15 addetti che ritenga,  nell'arco di 120 giorni , di non essere in grado di garantire il reimpiego a tutti i lavoratori, ha facoltà di avviare la procedura di mobilità  della legge 223 /_1991. La procedura si avvia con la comunicazione preventiva per iscritto alle rappresentanze sindacali aziendali. La comunicazione deve contenere... [Leggi tutto]

LA RETRIBUZIONE A CERTE CONDIZIONI SI PUÒ ANCHE DIMINUIRE

24/12/2015 Il principio ferreo  è che la retribuzione pattuita non può essere diminuita, come statuisce l' ART. 2103 del codice civile. Il lavoratore ha diritto a mantenere l'integrità del suo trattamento economico. Ma nel corso del rapporto di lavoro il datore di lavoro e il lavoratore possono modificare la misura del trattamento economico a condizione che questa... [Leggi tutto]

CANCELLATI DEFINITIVAMENTE I CONTRATTI A PROGETTO

20/12/2015   Il contratto a progetto con il decreto attuativo, il terzo del jobs act, cessa di esistere anche per quelle forme residuali che la legge Fornero del 2012 aveva continuato a mantenere. La legge  n.92 del 2012 prevede che i contratti a progetto non possono avere ad oggetto l’attività esercitata dal committente, dovendo essere un’attività estranea... [Leggi tutto]

Nuovo palazzetto giustizia a Milano

22/07/2015 Dalla metà del mese di luglio 2015  è entrata in funzione il nuovo palazzetto  di giustizia di Milano, via San Barnaba n.10, di fronte al tradizionale Palazzo di Giustizia, ma sul lato opposto all'ingresso principale di corso di Porta Vittoria. In questo palazzetto si è già trasferita dalla prima metà del mese di luglio 2015 la sezione lavoro (... [Leggi tutto]

L’art. 18 con l’accordo delle parti anche ai nuovi contratti di lavoro

12/03/2015  L'art. 18 dello Statuto dei lavoratori, che con la nuova normativa del jobs act non si applica più ai nuovi rapporti di lavoro a tutele crescenti instaurati dal 7 marzo 2015, ben può essere oggetto di una specifica pattuizione tra il lavoratore e l’azienda o tra le organizzazioni sindacali e l’azienda stessa da inserire tra le varie condizioni di lavoro come la... [Leggi tutto]

La professione dell'avvocato

17/07/2014 " Una professione di grande rilevanza sociale in quanto concorre, nella dialettica processuale, alla funzione costituzionalmente riconosciuta di garantire il rispetto dei diritti fondamentali e la corretta applicazione della legge ". Giorgio Napolitano, presidente della Repubblica italiana, dal messaggio inviato al  Cnf (Consiglio Nazionale Forense) il 16 luglio 2014.   [Leggi tutto]

La responsabilità civile del magistrato

16/11/2015 ll presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il 9 marzo 2015, parlando della nuova legge sulla responsabilità civile del magistrato ha affermato che questa responsabilità sussiste con riferimento a condotte "soggettivamente qualificate in termini di dolo o negligenza inescusabile". Il magistrato, in ogni caso, non deve farsi condizionare dal timore di subire le conseguenze... [Leggi tutto]

ACCESSO DAL VOSTRO DOMICILIO AI DATI DELLA VOSTRA PRATICA, OVUNQUE VOI SIATE

10/01/2016   Il nostro studio per rendere sempre più efficienti i suoi servizi, ha attivato un sistema di accesso ai dati in remoto. Questo accesso consente al cliente, dalla propria sede o abitazione di consultare il fascicolo con i documenti e i dati giudiziari che si riferiscono alla sua controversia. In questo modo si  consente al cliente di essere costantemente... [Leggi tutto]

Il processo telematico civile

16/11/2015 Un sito per il processo civile telematico Agli avvocati segnaliamo un sito dedicato interamente ed esclusivamente al  processo telematico civile . Il sito contiene video illustrativi e opuscoli didattici, la normativa in materia di processo civile telematico e una pluralità di temi e suggerimenti per meglio operare nel processo informatizzato, con linguaggio semplice e... [Leggi tutto]

Alle imprese l'ufficiale giudiziario non bussa più alla porta dell'ufficio

01/07/2014 La notificazione degli atti giudiziari alle imprese d'ora in poi si esegue a mezzo di posta elettronica certificata all'indirizzo dell'impresa risultante da pubblici elenchi, come quello del certificato di iscrizione alla camera di commercio. L'avvocato, se necessario, provvede ad attestare la conformità dell'atto che si notifica a quello originale. La notifica si esegue mediante... [Leggi tutto]